Skip to content

La città

citta_di_venezia.gif

Oggi Venezia è la dodicesima città italiana per abitanti. Alla fine del 2008, secondo i dati ISTAT, l’area urbana veneziana conta 422.272 abitanti. Così come accade per molte altre città italiane e europee, se osserviamo l’abitato dal satellite salta subito all’occhio la continuità edilizia che si sviluppa oltre i confini comunali, comprendendo i nuclei di Mira, Mirano, Spinea, Martellago, Mogliano Veneto e Marcon. Nell’idea comune Venezia viene spesso dissociata dalla terraferma, ma quello che è avvenuto nel XIX e ancor di più nel XX secolo a Venezia non è altro che il processo di urbanizzazione che ha riguardato in generale le grandi città nel nostro paese e non solo. L’unica differenza è l’ambiente. Essendo circondato dall’acqua, il Centro storico veneziano non ebbe la possibilità di sviluppare una periferia contigua ad esso e perciò l’ha fatto in terraferma. Non è quindi un caso se l’agglomerato urbano che possiamo osservare in terraferma abbia avuto origine proprio laddove la distanza tra le barene lagunari e l’antico abitato insulare è minore, laddove nel primo Novecento fu poi costruito il Ponte della Libertà. Prima Mestre e Marghera, poi via via tutti gli altri quartieri e comuni limitrofi si sono fusi per formare quella che oggi è una grande città, unica per il sito lagunare in cui sorge e per la varietà dei suoi tratti e paesaggi urbani: dalle spiagge del Lido alle zone dense di condomini della Terraferma, dalle incantevoli architetture e calli dei Sestrieri al polo industriale di Marghera, dal traffico di tangenziali e sopraelevate a quello delle imbarcazioni nella laguna, dai parchi e boschi di Mestre verso la campagna veneta fino al mare, fino allo Stadio Penzo. Tutta questa è la Grande Venezia.

veneziasanmarco.jpg

mestre1.jpg

ALTRE SQUADRE E CITTA’ DEL GIRONE DEL VENEZIA

33 commenti leave one →
  1. Francesco permalink
    19 agosto 2008 4:26 pm

    Io non abito a Venezia e non sono di Venezia, Ma Io avendo parenti in provincia e andando sempre a Venezia devo dire che sono innamorato della città e della squadra da Moltissimi anni! W LA CITTA’ DI VENEZIA & FORZA VENEZIA

  2. carlo permalink
    10 giugno 2009 5:14 pm

    “Nell’idea comune Venezia viene spesso dissociata dalla terraferma, ma quello che è avvenuto nel XIX e ancor di più nel XX secolo a Venezia non è altro che il processo di urbanizzazione che ha riguardato in generale le grandi città nel nostro paese e non solo”
    esattttttooooooo! finalmente uno intelligente, grande web-master!
    da veneziano mi son rotto i coglioni di sentir le solite nenie “semo restai in pochi, no ghe xe più nessuno”, zio chen, che i vada a veder gli abitanti del centro storico di milano (circa 80.000) o di roma (120.000) e poi facciamo i paragoni!!!
    Ovviamente, forza unione!

  3. Pietro Smaniotto permalink
    18 agosto 2009 10:26 am

    Da tifoso del Padova ho sempre sportivamente “odiato” i cugini veneziani, ora, dopo ciò che è capitato…Vi auguro che in tre/quattro anni di ritornare a fare i derby con noi…PADOVA-VENEZIA…perchè ci stanno rompendo quelli di Cittadella che continuano a pensare al derby con noi…NON ESISTIAMO PER LORO! Dai Unione!!!!

  4. marco permalink
    8 settembre 2009 1:14 am

    venezia 1907 e basta

  5. Pippo permalink
    16 settembre 2009 4:59 pm

    ma cosa dite, Mestre e venezia sono 2 città distinte, diversissime e che non hanno nulla di condiviso se non la sfrenata emigrazione dei veneziani verso Mestre, purtroppo.

    evidentemente la loro città li ripudia…..

    la unione è avvenuto con duce nel 1926, quello che amate tanto.

    altrimenti mai e poi mai si sarebbero unite.

    ora restano unite grazie al comune che ha una paura boia della separazione tanto da mettere in atto cose pazzesche, sin dal 1987.
    alle quali voi vi siete sempre prestati.

  6. michele tartarini permalink
    22 settembre 2009 10:31 pm

    salve a tutti
    sono michele di este
    questa stagione verrò a venezia in trasferta a vedere la partita e verrò con la bandiera veneta
    la bandiera che unisce tutto il popolo veneto
    sarò nostalgico serenissimo non sò
    ma mai piu di ora sento il bisogno di unità tra il popolo veneto sotto un’unica bandiera che ci avvolga tutti da verona a belluno o meglio da tutte quelle terre serenissime le quali per centinaia di anni si sono dedicate alla nostra patria
    mettiamo da parte i campanilismi frutto dell’era moderna e cerchiamo nel buon senso veneto di tornare ad essere i migliori e piu invidiati d’europa.
    uniti si vince
    w il veneto tutto

  7. francesco brugnaro permalink
    26 settembre 2009 6:08 pm

    X michele tartarini.Ti scrivo in merito al tuo commento penso che tu possa stare a casa tua nessuno vuole gente come te in mezzo a noi per una serie infinita di motivi…. prima di tutto non ci interessa persone come te che usano gli stadi e il nostro simbolo del leone di s marco per i suoi schifosi scopi politici.Di gente come te non ne abbiamo bisogno visto che la cultura veneziana e la stessa città di Venezia è una città storicamente aperta alle differenze culturali.Vorrei che ti stampassi bene in testa che venezia non è il veneto anche se purtroppo un certo partito politico razzista(che non è nemmeno rappresentativo nella nostra città) ha strumentalizzato il nostro simbolo .Ti consiglio vivamente di andarti a vedere il verona,il padova(visto che sei di este) o ancora meglio il treviso insieme alla razza piave li ti troveresti bene…L’unica unione è il Veneziamestre la nostra patria è il mondo intero non il veneto.Per quanto riguarda la serenissima studiati un pò la storia che forse ne hai bisogno ai tempi della serenissima stava “bene” solo la città di Venezia gli altri popoli attorno erano sottomessi alla repubblica della serenissima compreso il tuo paesino…se a te faceva piacere questo nessun problema ma sicuramente non era l’esempio di un sistema democratico o di stato di diritto.Dopodichè la storia è storia non si cancella, ma va anche analizzata in funzione al contesto storico del periodo.Di certo nel 2009 parlare di repubblica della serenissima o di nostalgia come se fosse un modello a cui aspirare penso che sia un idea assurda….se poi vuoi rimanere con la testa nel medioevo ci puoi anche restare sono problemi tuoi.. ma nella nostra tifoseria non ci mettere piede a buon intenditore poche parole…..razzisti leghisti secessionisti giù le mani dalla nostra città! ULTRAS VENEZIAMESTRE 1987

  8. michele tartarini permalink
    27 settembre 2009 11:36 am

    caro keko podaria rispondarte in vari modi
    ma mi gò un obietivo
    che no xè queo de dividere i pensieri come che ti li gà ti
    ma de unirli
    so pò no te voi èsare realista e fèrmarte li
    ti gà xà perso in partensa

    sò responsabie de queo che digo
    no de queo che te capissi ti

    el veneto gà bisogno de veneti

  9. francesco brugnaro permalink
    27 settembre 2009 8:26 pm

    il veneziamestre ha bisogno soltanto di tifosi che hanno la passione per la squadra di calcio che veste le casacche arancio verdi non di veneti. non siamo leghisti tanto meno non ci interessa il veneto e meno ancora il popolo veneto.Ti ripeto che venezia e i suoi tifosi non vogliono mischiarsi con quella feccia di treviso verona (città razziste)o il padova città che poi storicamente sono nostre rivali. I tuoi bisogni sono i tuoi bisogni ma non i nostri.Non serve che dica altro e per cortesia parla in italiano che tra l’altro non parli neanche veneziano……con questo chiudo non ho altro da dirti mi sembra di essere stato abbastanza chiaro ed esplicito e non aspettarti risposte perchè non ho voglia di star dietro ai tuoi deliri!

  10. billo permalink
    28 settembre 2009 3:04 pm

    FRANCESCO BRUGNARO PARLA PER TE O PER QUELLI CHE TI FANNO IL LAVAGGIO DEL CERVELLO NEI CENTRI SOCIALI (CASARIN & COMPANY). MICHELE TARANTINI NON HA OFFESO NESSUNO E TU INVECE LE AGGREDISCI E LE OFFENDI!
    NON MI SEMBRA IL CASO DI OFFENDERE NESSUNO CHE RICONOSCE LE RADICI !
    TU DICI ALLE ALTRE TIFOSERIE CHE FANNO POLITICA MA TU CON QUESTI COMMENTI SEI IL PRIMO A FARLA!
    VIA LA POLITICA DI SINISTRA E DI DESTRA DALL’UNIONE VENEZIA!!!!!!
    QUI SI TIFA SOLO UNIONE

  11. francesco brugnaro permalink
    28 settembre 2009 4:52 pm

    caro billo a me il lavaggio non me lo fa nessuno ma non si può accettare una persona che strumentalizza il nostro tifo e il nostro simbolo per i suoi scopi politici.Per quanto riguarda la politica hai sbagliato proprio persona visto che penso che debba rimanere fuori dallo stadio per cui non mi fare morali.Io non ho parlato di politica ma soltanto di una raeltà che esiste a venezia e da fastidio che il ns leone di s marco debba essere considerato il simbolo di un partito politico. La questione e tutta qui.dopodichè di persone che vengono allo stadio per unire il popolo veneto non ce ne bisogno… io non ho parlato di nessuna politica o è il termine razzista che ti fa pensare alla politica ?penso che dovrebbe essere il patrimonio di qualsiasi persona.non ho da aggiungere altro

  12. Roberto permalink
    2 ottobre 2009 5:20 pm

    Vorrei farvi una domanda alla quale da ultras vorrei una risposta?

    Vi definite dal 1987 ultras del veneziamestre, il veneziamestre dite che è il vostro ideale addirittura,
    mi spiegate allora perchè adesso che potevate scegliere il vostro nome avete benedetto e siete tutti contenti della scelta di Unione Venezia e basta?

    Grazie.

    Ciao.

  13. marco permalink
    10 ottobre 2009 4:43 pm

    forza Venezia! spero che torniate presto nelle serie che vi competono
    saluti da Modena!

  14. Stefano permalink
    16 ottobre 2009 10:14 am

    Forza Venezia!!
    Sono di Milano, ho origine venete anch’io, e sono un fermo tifoso del Venezia, quando posso vado a vederlo! Tra l’altro verrò domenica a vedermi la partita, nella più bella città al mondo!
    Ci sono rimasto male 2 anni fa, l’anno scorso, diciamo che ora è arrivato il momento di rialzarci come un LEONE ferito che si rialza in piedi per combattere! MAI DOMI! FORZA VENEZIA!

  15. berto permalink
    25 ottobre 2009 9:18 pm

    sono Veneziano ma non vi vivo più da una vita. Se penso a Venezia”me vien da pianser”

  16. Massimo permalink
    1 novembre 2009 5:59 pm

    Mi rallegro di vedere persone “positive” come Lei, Sig. Carlo. Ma poco c’é da discutere se un bicchiere sia mezzo pieno o mezzo vuoto. Il fatto rimane! Ed é lí, davanti a tutti e non c’é bisogno di grandi capacitá matematiche o di leggere chissá quale letteratura “specializzata” (basta un qualunque quotidiano o informarsi presso il comune)
    Io sono uno di quei “naiv” che ha provato a tornare nel centro storico, ma le mie speranze e illusioni(grandissime, mi creda) sono crollate davanti ad un muro di richieste di soldi invalicabile. E credo che sia lo stesso muro che ha bloccato e continua a bloccare piú di 2000 persone all’anno.
    La invidio per il Suo ottimismo.

  17. Nicola permalink
    1 novembre 2009 7:55 pm

    Sono nato a Venezia ma vivo praticamente da sempre in provincia e comunque ciò non mi ha mai impedito di seguire da molti anni la nostra squadra.
    Mi unisco a chi detesta il fatto che il simbolo di Venezia e della nostra squadra sia stato furbescamente preso a simbolo di un partito del quale non condivido nulla e che considero zero assoluto (padania? cos’è un formaggio o un’autostrada?), soprattutto alla luce del fatto che Venezia è da sempre foriera di apertura, condivisione, confronto e dialogo con i popoli e le culture di tutto il mondo e non all’opposto di razzismo, chiusura mentale, isolamento, cazzate del tipo “popolo veneto unito” quando siamo storicamente il Paese dei comuni e del campanilismo.
    Faccio i complimenti al webmaster che cura questo bel sito e saluto tutti i tifosi dell’Unione!
    Speriamo che la ricostruzione della nostra squadra possa continuare su basi sempre più solide e soprattutto che affaristi da quattro soldi stiano alla larga dalla nostra società. Meglio in D a correre e lottare con una squadra giovane (con capitan Collauto e bomber Volpato!) che in C1 a sperare ogni anno di non fallire!
    FORZA UNIONE!

  18. carlo permalink
    6 novembre 2009 2:21 pm

    per il sig. Massimo,
    i fatti chiaramente parlano di un centro storico con un numero di abitanti in calo. Chiaro, è vero, ma non per questo Venezia muore. Perchè una città muore se muore la sua cultura e i suoi abitanti e, volendo limitarci ai numeri, a me nessuno toglie dalla testa che i veneziani “residenti” ad oggi sono 300.000. Perchè,e parlo da residente insulare, uno che abita a mestre è veneziano così come uno di marghera e via dicendo. Ma una città è fatta di vita e storia che la percorrono e permettete che venezia è tutt’altro che morta. Una città non è fatta solo di numeri perchè sennò limitandoci a questo dovremmo dire che un qualsiasi paese sfigato cinese con 600.000 abitanti (e ce ne sono) andrebbe considerato una metropoli o che magari un paese x lombardo (diciamo sesto san giovanni) di 80.000 abitanti sarebbe più città di venezia. Ma nel paese cinese da 600.000 o a sesto san giovanni NON c’è un cazzo: non c’è storia, non c’è cultura, non c’è vita, non c’è nulla.

  19. berto permalink
    7 novembre 2009 6:07 pm

    bravo Carlo.Io abito a 2 passi da Sesto SG ma quando vado a fare una passeggiata non vedo l’ora di tornare a casa.Non è rimasta neppure la cultura operaia. Non ci sono più fabbriche.A Venezia ogni angolo anche il più nascosto sa di cultura,di arte. Una citta non si misura dal numero dei suoi abitanti

  20. Massimo permalink
    17 novembre 2009 9:49 am

    Su Venezia unica al mondo, cittá stupenda e quant’altro siamo d’accordo e ci mancherebbe altro. Ed anche che la cittá brulica di persone (anche troppe). Ma cosa resta “dopo”? Poco, molto poco, sempre meno. E qui parlo di “persone reali” e non di storia.
    In passato la cittá é stata letteralmente decimata sia da guerre che da pestilenze, riuscendo peró sempre a riprendersi perché é proprio da quí che la vita poteva “rinascere”, poteva creare un futuro. Quí in sostanza “si creava” il domani. Lo permettevano ovviamente fattori particolari legati sopratutto a interazioni tra le condizioni geografiche/morfologiche e il sistema economico/politico e tecnologico esistente in quei secoli. Senza dimenticare lo sfruttamento, manod’opera sottopagata, carestie, guerre, mancanza di sindacati e quant’altro, per moltissima gente era ancora piú conveniente rimanere in questa cittá. E ció significava (e malgrado tutto) insediarsi di fatto, cioé risiedere proprio “in” Venezia e viverla in toto, giorno e notte per chissá quante generazioni.
    Oggi la cittá non viene piú “vissuta”, bensí “usata” di passaggio. Un caso simile estremo di mia conoscenza é Jesolo. Avete mai fatto una passeggiata per Jesolo nei mesi invernali? Potremmo dire che Jesolo é una cittá viva? Purtroppo non puó offrire cio che offre Venezia e per questo d’inverno si spolola drasticamente. Anche Venezia si spopola, ma tutte le mattine abbiamo l’impressione drasicamente opposta. Ma é un’aberrazione ottica. L’architettura sono muri e stucchi e colonne e capitelli, ma tutto ció si sgretola se viene abbandonato, se nessuno o pochi ne curano le ferite, giorno per giorno e magari ciascuno come puó e ciascuno solo scopando davanti a casa proria, quella in cui ci abita e “vive” quotidianamante. La storia é ieri, domani siamo solo noi e la nostra presenza quotidiana.
    Un saluto affettuoso a tutti Voi e… “forza Venezia”

  21. carlo permalink
    30 novembre 2009 10:17 pm

    beh, sai, si va di fasi storiche. non ricordo più chi parlava di sistole e diastole di venezia (e quindi di fasi di svuotamento/riempimento). Vediamo la fase attuale come una sistole e speriamo nella pronta diastole. Tanto per dire, il declino lo vogliamo simbolicamente far iniziare nel 1966? Beh, magari dal 2020 (tochemo fero…)…che dite? se vien la botta di culo delle olimpiadi e la si sfrutta bene…barcellona con le olimpiadi passata da essere una città morta forte a una nuova capitale europea…

  22. marino permalink
    9 gennaio 2010 11:14 pm

    Sono sbalordito,si parla di politica in seno al VENEZIA CALCIO,adesso comprendo perche’ il VENEZIA e’ in serie D.

  23. marino permalink
    9 gennaio 2010 11:17 pm

    VOGLIO FARE I MIEI PERSONALI COMPLIMENTI A MASSIMO!

  24. Massimo permalink
    12 gennaio 2010 12:52 am

    In effetti il Sig. Marino a ragione. Nel contesto tematico di questa pagina Internet dedicata unicamente al Calcio Venezia questi commenti non sono pertinenti. Ma io mi riferivo semplicemente al titolo di questo articolo.
    Sono altresí felice che in un contesto puramente sportivo si trovi il tempo e la voglia di fare delle “divagazioni” . Del resto succede anche nella vita quotidiana ( che é fatta di famiglia, di lavoro, di scuola, di politica e di altre cose ritenute “davvero” importanti) di “divagare” verso temi , diciamo, atti ad “alleggerire” il peso della realtá e trovo ció, personalmente, giusto e positivo. Negativo sarebbe, invece, credere di poter creare delle realtá sportive valide, senza il supporto ( o prima o dopo) di una “politica” mirata a tal fine .
    E siccome la politica (anche quella sportiva) la fanno le persone, se quest’ultime vengono a mancare, verrebbe a mancare anche una “spinta” politica in tal senso.
    Sperando con ció di aver spiegato il malinteso, le auguro buon anno (con un pó di ritardo) e di credere nella sinceritá delle mie seguenti parole: Forza Venezia..in tutti i sensi !

  25. marino permalink
    20 gennaio 2010 11:08 am

    A MASSIMO: CONTRACCAMBIO GLI AUGURI,PURTROPPO IN RITARDO.

  26. Claudio permalink
    22 marzo 2010 4:49 pm

    ciao a tutti, sono anche io di origini venete (da parte di padre) ma da sempre abito in Lombardia a Milano e volevo chiedere una cosa, visto che proprio non la so (in quanto mai stato ad abitare lì). Mi ricordo che prima del 1987 c’erano 2 squadre di calcio: il Venezia e il Mestre e le rispettive tifoserie si odiavano da matti come qualunque altro derby italiano (come Perugia-Ternana, come Atalanta-Brescia, come Udinese-Triestina solo per fare qualche esempio delle decine che potrei fare….). Quindi come può un mestrino tifare Venezia? Mi sembra una cosa quasi inspiegabile. Un saluto a tutti e comunque spero che il Venezia ritorni non dico in B ma in A perchè la città se lo merita e spero anche che non costruiscano un nuovo stadio sulla terraferma ma si rimanga a giocare al Penzo nella mitica Isola di S. Elena. ciao

  27. Ale permalink
    14 aprile 2010 5:40 pm

    Passano gli anni, cambiano le categorie, cambiano i presidenti, cambiano i giocatori, cambiano le facce in curva, ma i soliti discorsi del casso non cambian mai!
    Nostalgici neroverdi da una parte e unionisti dall’altra, rossi e neri, tutti però uniti da una sola squadra ormai dal 1987. E’ inutile ricordare tutte le tappe che ci hanno portato fin qui. Però è bene non scordarci mai che dalla C2 siamo arrivati a giocarci qualche bel campionato in serie A, abbiamo visto giocare giocatori in Laguna che solo le figurine panini ci avevo mostrato prima, le notti di Coppa Italia quando il Penzo sfiorava i 20.000…..quando lo stadio fatto di tubi ballava sotto le note della SUD. Io per mia fortuna c’ero, c’ero fin dalla Curva Oberdan al Baracca, c’ero a Cesena allo spareggio, c’ero e non potevo non esserci alle mitiche trasferte all’Appiani con il mitico Bosaglia para-rigori, c’ero negli anni della serie A, e nei bei anni della B, ma c’ero anche a Sesto San Giovanni a vedere una squadra un gruppo di ragazzi conquistare la salvezza sul campo per poi perderla pochi giorni dopo nelle carte di un tribunale che per l’ennesima volta dava uno schiaffo alla realtà calcistica del VeneziaMestre abbandonato come sempre da tutte le istituzioni locali, dal sindaco filosofo, dagli imprenditori veneziani “coi gransi in scarsea”. Ora dobbiamo aver fiducia in questo nuovo progetto, dobbiamo “innamorarci” ancora.
    C’è solo VeneziaMestre

  28. andrea 66 permalink
    16 aprile 2010 2:08 am

    Ragazzi.. ho avuto il piacere e l’onore di vestire la maglia neroverde e giocare al Penzo ormai piu’ di trent’anni fa.. I discorsi che si facevano sono quelli che circolano ancora oggi.. la realta’?? non si puo’ fare calcio a Venezia.. non seriamente.. triste ma e’ cosi’..Povero mio Leone,sei stato tradito da tanti mercenari del pallone che ti hanno umiliato,gente senza scrupoli e dignità… Conservero’ sempre la mia ultima maglia neroverde indossata.. In questo calcio non mi riconosco piu’.. Forza Venezia in D come in A..

  29. Pietro permalink
    10 giugno 2010 4:02 pm

    Ciao sono un ultrà della Roma,ma da sempre simpatizzante per il Venezia perchè è la città che adoro più di tutte.
    Ho avuto modo di venire in trasferta a Venezia nel lontano 1999 e nel 2002…e ancora ringrazio di cuore i ragazzi che mi hanno regalato la sciarpetta con scritto “Gioventù lagunare” che conservo gelosamente.
    Vi auguro di salire presto nelle serie che vi competono.

    Forza Roma e Forza Venezia

    “SENATORE CON NOI”
    – ROMA –

  30. marino permalink
    14 luglio 2010 10:41 pm

    Purtroppo il tempo e’ tiranno,e io abitando a MILANO non ho notizie fresche. che fine ha fatto la maglia neroverde?purtroppo ANDREA 66 ha toccato il tasto dolente: I MERCENARI HANNO DISTRUTTO LA STORIA DEL VENEZIA CALCIO. e voi tifosi neroverdi che cosa ci fate con l’arancione del mestre?e poi non c’e’ la societa’,e si pensa allo stadio nuovo?bisogna ampliare il PENZO e stop.mi auguro che qualche imprenditore,o una sottoscrizione popolare possa riportare la s.s. Venezia nel posto che le compete:la serie A. La situazione odierna e’ ridicola ,e’ come se il MILAN facesse la fusione con il monza,neroverdi tirate fuori le palle e le palanche,VENEZIA in D E’ UNA SUPERVERGOGNA!!!!!!!!!!

  31. VALERIO - ANDRIA permalink
    13 febbraio 2011 8:07 pm

    FORZA FRATELLI
    VI ASPETTIAMO AL PIU’ PRESTO IN 1 DIVISIONE.
    UN SALUTO DA ANDRIA.

  32. Anonimo permalink
    22 settembre 2011 4:56 pm

    VENEZIA DI NUOVO IN SERIE A

  33. Anonimo permalink
    4 giugno 2012 2:05 pm

    forza Mestre
    venezia merda!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: