Skip to content

Este – Venezia 0-0

7 aprile 2010

Campionato Serie D 2009/2010

27a giornata, girone C

Mercoledì 7 aprile 2010, ore 15

Stadio Massimo Montagna, Padova Albignasego

Arbitro: sig. Rosario Zinzi di Catanzaro

.

Il saluto dei giocatori ai tifosi a termine partita

ESTE (4-4-2): Gallo; Moroni, Ballardin, Niero, Di Fusco; Salvato, Ferronato, Bedin (33′ st Pozzi), Asti Brun (35′ st Romero); Fabbro (35′ st Zamarian), Moresco.

A disposizione: Bertazzo, Bianchi, Marchetti, Michelotto.

All.: Francesco Feltrin.

.

VENEZIA (4-2-3-1): Cavarzan; Bigoni, Tricoli, Vianello, Cardin; Segato, Di Prisco (40′ st Modolo); Collauto, Tessaro (45′ st Rigoni), Corazza; Volpato.

A disposizione: Lotti, Bivi, Gargano, Zanon, Rossi.

All.: Paolo Favaretto.

.

Note: spettatori 750 circa; ammoniti: Segato, Tricoli.

ALBIGNASEGO, PADOVA – Il sorpasso ai danni dell’Este a sette partite dal termine non riesce all’Unione che impatta contro i giallorossi padovani al Massimo Montagna al termine di una gara senza grandi giocate ma con diverse occasioni da rete, specie per gli arancioneroverdi. Al triplice fischio il Venezia si rammarica particolarmente per la traversa colpita da Corazza e almeno altre tre nitide occasioni capitate a Vianello, Cardin e ancora Corazza. L’Este si è difeso non disdegnando plateali spazzate e palloni a campanile, procurando pure qualche brivido con un gol annullato per fuorigioco sul finire della gara e un buon numero di punizioni generosamente concesse dall’arbitro di giornata. Ma il possibile aggancio non è un’illusione svanita, la seconda delle tre trasferte consecutive, domenica prossima a San Vito al Tagliamento, potrebbe presto regalare un altro passo in avanti per gli arancioneroverdi.

Finisce con un pizzico di delusione per i circa 700 tifosi del Venezia giunti di mercoledì pomeriggio ad Albignasego per spingere la propria squadra alla conquista del secondo posto in classifica. Ma l’Unione ha dimostrato di essere nettamente superiore anche ad un Este che, almeno dai numeri, ha spesso dominato in questo campionato. Quindi gli arancioneroverdi sembrano non essere inferiori a nessuno in questo girone, aspettando la trasferta di Montichiari per la conferma, ma qualche volta, come è accaduto oggi, non riescono a buttarla dentro un numero sufficiente di volte. Ecco perchè è normale provare del rammarico ripensando alla partita perchè, se da un lato il gioco ha latitato, dall’altro le occasioni proprio non sono mancate agli arancioneroverdi per fare proria la gara.

Ripercorriamo ora quelle emozioni: al primo minuto Volpato aggangia uno spiovente a limite dell’area e appoggia per l’accorrente Corazza, che di contrabbalzo spedisce la palla di poco fuori il palo alla sinistra del portiere avversario Gallo. A metà ripresa è ancora Corazza a sfiorare il vantaggio con un’azione partita da sinistra e un dribbling a rientrare a 15 metri dalla porta, la sua conclusione a botta sicura da dentro l’area è però deviata all’altezza del dischetto da una scivolata di un difensore avversario. Nel frattempo Tricoli respinge in angolo una pericolosa conclusione dell’Este. Nella ripresa ancora solo occasioni per il Venezia parellelamente a continue perdite di tempo dei padovani, ad una fastidiosa brezza contro e un buon numero di punizioni al limite dell’area curiosamente fischiate in favore dei giallorossi (tra cui il gol di testa annullato a Moresco per fuorigioco). Segato tira centrale nello specchio da fuori area, poi Corazza, dopo essersene andato sul fondo a destra, appoggia per Bigoni che tira alto dal vertice dell’area piccola,  ma soprattutto Vianello manda di pochissimo alto con un colpo di testa su corner di Collauto e, il maggior sussulto, la botta di Corazza da dentro area che sbatte sulla parte bassa della traversa e torna in campo. Nel finale Cardin tira da dentro l’area ma il suo diagonale mancino viene deviato in angolo da Gallo che ci arriva col pugno in tuffo. Speriamo di aver risparmiato le reti per San Vito.

Michale Cardin in azione difensiva

Un'azione della partita con Bigoni e Sagato alla caccia del pallone

Annunci
19 commenti leave one →
  1. BEPI permalink
    6 aprile 2010 1:17 pm

    Ma Tricoli non è sprecato in panchina? Non si potrebbe giocare (sopratutto ad Este ove mancheranno due over come Nichele e Correzzola) con centrali difensivi Tricoli e Vianello e spostare Modolo in avanti, considerato che ha un tiro niente male?

  2. Il Mister permalink
    6 aprile 2010 3:17 pm

    Grazie per il suggerimento, Bepi.

  3. Enrico permalink
    6 aprile 2010 4:39 pm

    Tricoli non ha dimostrato sicurezza finora… sia a Verolanuova che contro il Porfido sono sue le principali responsabilità in occasione dei gol subiti…. meglio Nesta Vianello!

  4. grey da torino permalink
    7 aprile 2010 12:46 pm

    l’importante è portare a casa 3 punti e non meno; confermiamo la scelta di sportività, schiacciando i padovani.
    qualcuno sà quanta gente riuscirà a spostarsi ad albignasego?

  5. Adriano permalink
    7 aprile 2010 1:32 pm

    Anch’io mi sento molto sportivo e spero che vinca il migliore (il Venezia) e di seppellire sotto ‘na valanga di gol l’Este . FORZA VENEZIA
    NB dal punto di vista sportivo la nostra società ha già vinto quando ha deciso di non fare il ricorso…..

  6. grey da torino permalink
    7 aprile 2010 6:25 pm

    0-0 maledizione!! speravo e volevo i 3 punti, e il pareggio non ha cambiato un casso di niente …. domenica si sera nel sorpasso per poter giocare i playoff in casa.
    vedremo a fin campionato che accade.

  7. Oscar permalink
    7 aprile 2010 10:04 pm

    Lezione d’astuzia:

    – Hai la squadra che le prende pure dai ragazzini al parco?
    – Hai mezzaq squadra suqalificata?
    – Sai che peggio di così non ti può andare?

    Bene, c’è il MODELLO-ESTE!

    Blocchi una partita di campionato con qualche scusa raffazzonata, magari ti va di culo e il Giudice Sportivo te la fa passare per buona e poi organizzi la partita di recupero dietro casa (come avresti potuto fare due mesi prima, ma non ti conveniva!) e… voilà! Un punto in più a te e due in meno ai venexiani (e per questi ultimi, un mazzo tanto a giocare ogni tre giorni per un mese filato… ottimo anche per gli spareggi a fine campionato!)

    Grazie Este, una lezione su cui tutti rifletteremo… stavolta semo stai tre volte boni… boca tazi!

  8. grey da torino permalink
    8 aprile 2010 11:56 am

    l’este ha ben giocato le sue carte e ha ottenuto quel che voleva; d’altro canto anche la nostra società ha fatto la sua egregia figura di sportività e penso che questo pagherà, in qualche modo (ALMENO SPERO), anche se forse si aspettava una vittoria. ad ogni modo inutile piangersi adosso, dopo aver accettato le condizioni ed evitato di presentare un ricorso, cosa fatta x distinguerci dalle altre società del campionato nella speranza di ottenere eventuali ripescaggi.
    il campionato sta per finire e in estate vedremo veramente che ne sarà di noi . …
    un altro anno di d sarebbe veramente pesante

  9. 8 aprile 2010 2:15 pm

    guarda, caro grey, molto meno di quello che pensi….a mio avviso meglio rafforzare la compagine societaria anche con la public company, ovvero azionariato popolare più pool di medie imprese del territorio, e vincere alla grande il campionato di serie d per tornare tra i prof col vento in poppa che entrarci per il buco della serratura e tribolare per trovare soldi e fare un campionato di sofferenza….tanto non è che cambi molto tra andare a san vito al tagliamento piuttosto che a sacile…la rinascita non può avere fretta…chi vuole il grande calcio della cenpions si può accomodare…. a san siro o davanti a sky.
    un altro anno di serie d non è la fine del mondo, tra i 600 di ieri sono proprio pochi quelli che se la vivono male….te lo assicuro…IL NOSTRO AMORE OLTRE OGNI CATEGORIA!

  10. Lorenzo permalink
    8 aprile 2010 3:32 pm

    Oscar ha perfettamente ragione !
    Mar Ghe Gera, anche il tuo ragionamento non è sbagliato, però dimentichi che quest’anno noi avremmo dovuto giocare in C1 (prima divisione) come conseguenza della salvezza raggiunta sul campo lo scorso campionato. Sappiamo bene perché, invece, ci troviamo in D. Anche io non sono per il ripescaggio, ma visto che in questo campionato ognuno fa quello che vuole (vedi proprio l’Este che l’ha fatta SPORCHISSIMA passandola liscia), nel caso venissimo ripescati in Seconda Divisione “me ne farò una ragione”.

  11. BEPI permalink
    8 aprile 2010 10:02 pm

    MA E’ PROPRIO COSI’ DIFFICILE VINCERE IN SERIE D…..?

  12. Oscar permalink
    8 aprile 2010 10:47 pm

    Bepi, se giochi con calciatori di serie D, la serie D non è certo semplice… anche perchè ci sono obblighi di “età” da rispettare che nei professionisti non ci sono, non dimentichiamoci che quelli arrivati a Venezia non sono proprio dei disgraziati, anzi! Siamo partiti male ma, come era lecito attendersi, siamo migliorati man mano… siamo quasi-secondi (e mi tocco!)

    E poi, diamo merito anche a Montichiari, hanno 75 punti, anche il miglior Venezia possibile, con allenamenti adeguati, senza crisi sociatarie ecc, avrebbe fatto fatica a star dietro a questa locomotiva… diamo merito anche agli avversari, sono davvero forti.

    Cmq davvero… ma ci sarà ancora un’Unione Venezia il prossimo anno? Se ne parla davvero poco mi sembra, al di là delle necessità di sponsor politico per le elezioni… mi vengono i brividi…

  13. 9 aprile 2010 10:03 am

    Era l’estate del 2005 quando in città si sentì parlare per la prima volta di Public Company. La parabola iniziata con il gran tradimento di Mister Emmezeta terminava con la farsa di Luigi Gallo ed il fallimento del club arancioneroverde. Fu così che un gruppo di tifosi, di ex campioni arancioverdi, di sportivi cittadini si assunse l’onere di cercare di dare un futuro al calcio veneziano. Nacque così VENEZIAUNITED.

    Un progetto redatto dall’Avv. Giovanni Albanese di Sport Consulting e pensato per dare risposte innovative alla crisi economica e di credibilità del calcio italiano.L’idea originale, innovativa ed economicamente sostenibile è stata male interpretata da chi contava di più in città credendo si trattasse di un’idea utopica che esulasse dalla presenza di capitali dell’imprenditoria per essere sostenuta solo da un’azionariato popolare su scala ridotta. Invece di svilupparla si è preferito affidare tutto ai Poletti con gli esiti che ben conosciamo.

    Nel frattempo l’idea PUBLIC COMPANY si diffonde anche in Italia e prende corpo in maniera significativa a Roma sulla base di grandi esperienze maturate all’estero e in particolare in Inghilterra con il sostegno della stessa Unione Europea e della UEFA. Ulteriormente significativo il fatto che, sia a Roma che da altre parti, si citi il percorso fatto a suo tempo proprio a Venezia come fonte di ispirazione.

    Oggi la storia sembra ripetersi: dalla fondazione del FBC UNIONE dalla dirigenza si sente parlare di PUBLIC COMPANY, di AZIONARIATO POPOLARE, e poi si scopre che il nostro FBC UNIONE attira solo banditi come gli Anemone-Agnolin…il miraggio del business sul Quadrante di Tessera attira solo pescecani. Il nostro futuro, il futuro del calcio arancioneroverde , ora più che mai, è nelle nostre mani: la PUBLIC COMPANY non è un’utopia ma il solo progetto possibile per dare certezze e concrete possibilità di sviluppo al FBC UNIONE VENEZIA. Per portare la nostra città a livelli di assoluta eccellenza sportiva.

    Ora la cosa approda anche sul grande schermo con una trasmissione speciale di Report dove si parlerà di azionariato popolare come modello alternativo all’attuale gestione del calcio italiano e internazionale. Stasera, domenica 11 aprile infatti, in prima serata su Rai 3, proprio Report trasmetterà un’inchiesta sull’argomento realizzata tra Londra, Manchester, Modena e Roma.
    La trasmissione presenterà la rete di SUPPORTERS DIRECT che sta dando vita a numerose PUBLIC COMPANIES nel mondo del calcio europeo.
    Una straordinaria occasione per capire a cosa VENEZIAUNITED si ispira, per fugare ogni dubbio sulla sostenibilità economica e sportiva di un progetto del genere.

    E proprio i rappresentanti della rete di SUPPORTERS DIRECT sarnno presto nostri ospiti in città, assieme ai massimi rappresentanti UEFA che sostengono la proprietà diffusa dei club calcistici come una priorità del calcio europeo, per la presentazione ufficiale del COMITATO per VENEZIAUNITED che raccoglie già l’adesione di molti tifosi. Un Comitato che si prefigge un unico scopo: trasformare il sogno in realtà. Si puo’ fare! GHEA PODEMO FAR!

  14. Lorenzo permalink
    9 aprile 2010 3:54 pm

    Bepi, ma qual è il tuo problema ? Siamo in serie D con giocatori di categoria (anche se scritta così sembra in tono dispregiativo, ma l’intento è tutt’altro) ! Dimenticati del Venezia di Recoba e Maniero ! Oltretutto il Montichiari ha mantenuto praticamente intatta la rosa dell’anno scorso quando era in seconda divisione…

  15. grey da torino permalink
    9 aprile 2010 7:45 pm

    sembra però,che si stia facendo una gara d’umiltà, per me troppo esagerata: ricordo a tutti che dovremmo essere in serie c1, ed anche meritatamente visto che ero presente ai playout dello scorso anno; st’ altro anno ci si fa tutti la purga e sembra non ci si possa lamentare o discutere sulla squadra.
    basta che uno faccia una critica e subito “dobbiamo ringraziare “, ” siamo in serie d”, ” il comune ha fatto di tutto”,etc..
    innanzi tutto è sempre bene che si parli e si discuta, anche xchè uno tifa anche per la passione che in questi termini si viene manifestando, ma anche x mantenere vivo il dibattito che invece quest’anno è morto, perchè ancora una volta non si sa mai ** **** di niente. qualche notizia fugace su improbabili cordate, su partecipazioni dei tifosi nella società (che ne è stato del coinvolgimento che ci sarebbe dovuto essere???), insomma dell’unione non si parla più.
    che poi anche sta storia che adirittura c’è chi si auspica un altro anno in serie d, mi sembra assurda e non credo che un tifoso sia più figo de un altro perchè vuole dimostrare che davvero gli piace stò campionato, non ci prendiamo in giro! cosa fareste se ci ripescassero??? una contestazione x rimanere in d??? dai *** ***, non son meno tifoso di nessuno, solo perchè voglio veder ‘unione dove si merita E ANCHE IN FRETTA!
    che poi dove stà scritto che un anno di d ci faccia bene??? vi ricordo che più ci rimani nei dilettanti, più rischi di rimanerci a lungo, oltre ad essere praticamente invisibili ad eventuali imprenditori.
    st’anno va ben così, ma sappiate che nulla c’è stato regalato (semmai l’opposto), e non è questa la categoria dell’UNIONE, per me.
    manteniamo i piedi per terra, va bene, ma * ***** ******** ***** ** ***** ** ****, **** ** ******** *** ****** ******** * non sempre va bene stare zitti.
    saluti

  16. 9 aprile 2010 8:28 pm

    caro mio, dovremmo essere in c1 ma per colpa dei poletti e di chi li ha sostenuti e difesi fino all’ultimo siamo in cnd….

    quanto alla solidità societaria non so che fonti tu abbia, o forse si, ma non ci sono grossi problemi all’orizzonte…

    certo che parlare e discutere è positivo, non se si tratta di denigrare per questioni politiche e di giochi di potere quello che abbiamo costruito che non sarà granchè ma è pulito…

    te lo ripeto, c’è gente che si sta dando da fare per promuovere in tempi rapidi un rafforzamento della compagine societaria in termini economici e di radicamento territoriale, per costruire intorno al FBC UNIONE una comunità vera, di tifosi e sportivi in grado di garantirne il futuro, non sono cosucce da far in do minuti….

    se il coinvolgimento cui ti riferisci era quello del rappresentante dei tifosi da nominarsi congiuntamente lascia perdere…era una pessima idea e per fortuna è abortita…

    quando avremo la public company ci saranno i rappresentanti dell’azionariato, loro si titolati ad essere li, per contribuire e per controllare…

    quanto alla tifoseria, non ci meritiamo molto di più di quello che abbiamo, c’è da crescere e non attraverso i risultati….in termini di passione, attaccamento, fin anche nel modo di tifare….e non sto parlando delle divisioni della tifoseria, sia ben chiaro….

    senza polemica poi…questo è un blog personale, non siamo nel forum che sei abituato a frequentare, chi lo tiene ha diritto di criticare i toni e i modi di certi commenti…

  17. BEPI permalink
    10 aprile 2010 2:24 pm

    Lorenzo…. hai mai ascoltato la canzone di Riccardo Fogli?…. “si può fare di più”….? con tutto il rispetto e la gratitudine per tutti coloro che si sono adoperati per non far sparire del tutto il calcio in laguna e che sicuramente meritano il più sincero plauso ed incoraggiamento.

  18. Lorenzo permalink
    10 aprile 2010 3:50 pm

    Grey, dici “Non ci si può lamentare o discutere”. Proprio qui sta il punto (e mi rivolgo anche a Bepi): ma lamentare di cosa ? Per come stavano le cose poco meno di un anno fa siamo fortunati ad averla una squadra da seguire la domenica. Ribadisco che viviamo in una città dove l’impressione (ripeto ,l’impressione) che non ci si aspetti altro che una qualsiasi difficoltà per poter dar giù con critiche e lamentele. Per il resto, Grey, sono d’accordissimo su quanto hai scritto. Come avevo già detto nel mio post precedente, di principio non sarei favorevole al ripescaggio, perché i successi li vorrei dal campo, ma visto che qui tutti fanno quello che vogliono, se mi ripescano sarò ben felice. Perché anch’io, ovviamente, voglio vedere il Venezia tornare a campionati ben più consoni.
    Bepi, se ritieni che tutti quelli che si sono adoperati per non far sparire il calcio in laguna meritino un plauso e incoraggiamento, allora la canzone è totalmente fuori luogo. Chi dovrebbe fare di più ? I giocatori ? l’allenatore ? La società ? I tifosi ? Io, con tutta la buona volontà, non riesco a trovare chi, fra questi, non ci mette l’anima.

  19. grey da torino permalink
    13 aprile 2010 1:47 pm

    mar ghe ghera mi sa che hai capito quello che volevi capire, affibbiandomi idee da me mai espresse, solo sulla base del fatto che frequento un certo forum (dato che io non cambio nick), che tra l’altro, sempre senza polemica, mi pare ovvio che frequenti anche tu. solo, dato che non ci si conosce, non capisco come tu possa etichettarmi nelle tue limitate “griglie” d’appartenenza, tra l’altro a me estranee. mi sembra davvero poco democratico da parte tua darmi giudizi o pensare di conoscere le mie idee, solo perchè riconosci il nick in un forum, del quale certo non devo rendere conto e men che meno vergognarmi.
    se rileggi il mio commento potrai con tua sorpresa notare che non mi sono espresso nello specifico sul tema del rappresentante dei tifosi (sul quale posso anche trovarmi d’accordo con te), ma il mio era, più in generale, un discorso sul coinvolgimento dei tifosi, tanto decantato ad inizio anno, che non sembra ci sia; insomma di questa squadra si parla poco niente, le solite quattro balle a cadenza trimestrale, tanto fumo niente arrosto. se di rinascita solida e sana si è parlato, se nulla ho da eccepire ai risultati sul campo, allora mi chiedo ma qual’è l’opbbiettivo che questa società si è prefissata?? a me sembra tanto che si sia andati avanti sull’inerzia delle belle parole d’inizio stagione, restando però sempre in bilico tra il prefissarsi un tentativo d’immediata promozione o quello più prudente di un anno di assestamento. cioè a me va bene anche una buona dose d’umiltà (seppur eccessiva), ma almeno saperlo! la società in questo non è mai stata proprio chiara, e se permetti mi pongo delle domande. tu parli di denigrare la società, ma è un utilizzo arbitrario che fai del verbo, perchè io parlo di legittimo dubbio. e scusami ma non penso che alcun tifoso di questa squadra, dopo i passati nefasti fin troppo famosi, possa essere biasimato perchè si pone domande, nutre dubbi. se vengo truffato, sarò più prudente. non ci è stato regalato niente, mi sembra.
    che poi dove stà scritto che in base al fatto che esista un progetto sano, allora non si possano fare obiezioni al riguardo??
    se tu sei così ben informato sulla società xchè non condividi?? c’è qualche rapporto di segretezza?? sai qualcosa che non so??
    e proprio di questo scrivo: PARLIAMONE!! dov’è il dibattito che ci si aspetterebbe da questo grande progetto di coinvolgimento della piazza??
    tu sei favorevole alla public, eppure subito dopo scrivi che come tifoserie non ci meritiamo di più di cosi (?!) …. ma come puoi vedere la public come unica soluzione se si basa proprio sull’apporto della piazza, dei tifosi, che tu polemizzi??
    ci voleva una trasmissione televisiva, che malapena ci nomina, per riaprire improvvisamwente il dibattito: ma se nessuno ne ha parlato per mesi e mesi, adesso, per magia sembra l’unica soluzione al caso. ma magari si parlasse concretamente: io a parte due righe ogni tanto, non ho mai letto qualcosa di concreto. rinnovo, se tu sai qulcosa, l’invito a condividere, per fare valutazioni obbiettive. io mi riservo, visto che in trasmissione si è parlato di piazze geneticamente più adatte, ma sarei felice venisse presentato un VERO progetto.
    per il resto, senza polemica, non penso d’aver offeso la tua sensibilità per i termini, semmai per quello che ho scritto.

    saluti
    A ME INTERESSA SOLO L’UNIONE!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: