Skip to content

Venezia – Porfido Albiano 2-1

27 marzo 2010

Marcatori: 18′ pt Correzzola, 8′ st Collauto 22′ st Pfitscher

Esultanza dopo il primo gol dell'Unione

Campionato Serie D 2009/2010

32a giornata, girone C

Sabato 27 marzo 2010, ore 15:00

Stadio Pier Luigi Penzo, Venezia

Arbitro: sig. Stefano Giovani di Grosseto

.

VENEZIA (4-3-1-2): Cavarzan; Bigoni, Modolo, Tricoli, Cardin; Segato, Di Prisco, Tessaro (20′ st Rigoni); Collauto; Correzzola (41′ st Bivi), Corazza.

A disposizione: Lotti, Casagrande, Gargano, Zanon, Malagò.

All.: Paolo Favaretto.
.

PORFIDO ALBIANO (4-4-2): Maestri; Allegretti, Michelon, Casapulla, Agosti (37′ st Nardin); Scheffer, Elefante, Morat (8′ st Pfitscher), Santuari; Tessaro, Conci.

A disposizione: Santorum, Riffeser, Paissan, Calgaro.

All.: Giuseppe Orsini.

.

Note: spettatori 1800 circa; espulso 36′ st Michelon per doppia ammonizione; ammoniti: Cavarzan, Correzzola; Allegretti, Scheffer; recupero: 1′ pt; 4′ st.

.

VENEZIA – Gli arancioneroverdi chiudono il primo tempo in vantaggio grazie alla rete di Correzzola. Nella ripresa immediato raddoppio di Collauto dopo una traversa di Modolo, ma una rete degli ospiti a metà frazione rende meno tranquilli gli ultimi minuti, senza però intaccare il risultato (anzi, sfiorando la terza rete ancora con una traversa di Modolo), e allora è vittoria finale che arriva meritata e gioisa al triplice fischio.

Dopo un turno di digiuno l’Unione raccoglie di sabato un nuovo successo, l’ottavo nelle ultime nove gare. Una vittoria con un solo gol di scarto ma al termine di una partita dominata in lungo e in largo. Gli arancioneroverdi hanno avuto solo due amnesie nel corso dei novanta minuti, una conclusasi con la palla alle spalle di Cavarzan, l’altra fortunatamente fuori di poco. Ma non è fortuna se il Venezia ha segnato due reti, perché per tutta la partita la palla ha girato spesso dalle parti del portiere ospite Maestri e, come è entrata in rete due volte, poteva farlo in diverse altre occasioni.

L’Unione sblocca il risultato dopo poco più di un quarto d’ora dall’inizio dell’incontro, al termine di una fase di gioco in cui gli arancioneroverdi avevano controllato il possesso palla senza impensierire più di tanto Maestri. Il vantaggio è segnato da Correzzola, alla sesta rete in maglia arancioneroverde dopo 12 presenze in questa seconda parte del campionato. La descrizione del primo gol arancioneroverde: Collauto allarga per Correzzola che fa da sponda per l’avanzato Bigoni sul settore di destra; il terzino marchigiano lascia partire un filtrante che, anche grazie ad un mancato anticipo di un difensore ospito, premia il taglio da sinistra a destra di Tessaro, che giunto sul fondo all’interno dell’area calcia un cross rasoterra per Corazza, anticipato al momento del tiro a neppure due metri dalla linea di porta. Ma ecco irrompere l’accorrente Correzzola che, dopo aver partecipato alla costruzione della manovra, va a reallizzare raccogliendo la corta respinta e scaraventando violentemente sotto la traversa dal limite dell’area piccola.

Dopo il vantaggio l’Unione colleziona occasioni per raddoppiare, ma una precisione non impeccabile in fase di finalizzazione fa si che il risultato non cambi più fino al duplice fischio. Prima Tessaro, poi Di Prisco e soprattutto Corazza (bel tiro al volo in mezza rovesciata parato dal portiere) provano a portare minaccia alla porta trentina con le loro conclusioni senza riuscire a mettere la palla in rete; per contro Cavarzan non corre alcun pericolo nella prima frazione di gara.

La ripresa comincia sulla falsa riga del primo tempo, anzi gli arancioneroverdi sono ancor più arrembanti all’inizio dei secondi 45 minuti. Dopo pochi minuti l’Unione beneficia di un calcio d’angolo da destra che Collauto va a battere con un fendete che si impenna sul primo palo dopo un flipper tra difensori biancorossi e Segato, Modolo calcia al volo di sinistro in girata e colpisce la traversa in pieno, con palla che rimbalza più volte in area prima di uscire sul fondo. Ma ancora poche giri delle lancette dell’orologio ed arriva la marcatura del raddoppio: punizione per il Venezia poco fuori il vertice sinistro dell’area del Porfido e ormai “consueta” realizzazione diretta di Collauto con destro a giro in basso sul secondo palo. Già un minuto dopo Correzzola potrebbe fare tris e bis personale, ma la sua conclusione da dentro l’area viene parata da Maestri. Ed ecco allora che inaspettatamente il Porfido Albiano riapre la gara: lancio dalla metà campo di difesa dei trentini, respinta di testa negativa da parte di Tricoli che diviene un filtrante in profondità per il neo entrato Pfitscher, il cui destro al volo da dentro l’area beffa Cavarzan sul primo palo (palla sotto l’incrocio). E pochi minuti dopo i trentini rischiano di pareggiare: punizione dai 20 metri per i biancorossi, palla pennellata in centro area a servizio del taglio da sinistra al centro di Conci, il cui tiro al volo (in solitudine) dall’altezza del dischetto finisce di pochissimo fuori alla sinistra di Cavarzan. La gara si conclude con l’ultimo sussulto, questa volta arancioneroverde: punizione dalla destra di Collauto che, sulla linea dell’area piccola, trova l’incornata di Modolo con palla che si stampa ancora una volta sulla traversa. Ma andava già molto bene così, evidentemente. E il 7 aprile contro l’Este (a Cittadella?) potrebbe andare altrettanto bene, e allora sempre in più a sostenere il nostro magico Venezia.

Advertisements
11 commenti leave one →
  1. Enrico permalink
    26 marzo 2010 10:40 am

    FORZA UNIONE VINCI PER NOI!

  2. Adriano permalink
    26 marzo 2010 9:04 pm

    Ho letto le varie posizioni che abbiamo tra noi sportivi tifosi rispetto alla gestione e programmazione della nostra società. Siccome a me piace andare sul concreto, ho trovato per esempio molto interessante ciò che ha esposto mar ghe gera, che pur sostenendo la società, propone uno sguardo agli azionariati popolari, però mi piacerebbe sapere anche cosa proporrebbe concretamente chi come Bepi è deluso dai risultati ottenuti e avrebbe voluto un altro tipo di gestione. Certo che una cosa è sicura, per avere una squadra forte e in grado di avere buone possibiltà di successo in campionato ci vogliono gli schei, principalmente gli schei, e tra noi è facile proporre e suggerire, ma alla fine chi paga fa quello che può con i mezzi che ha . A proposito, vorrei da questo blog cogliere l’occasione per ringraziare tra gli altri Andrea Seno, che per due ( ! ) volte ormai in pochi anni ha contribuito in maniera fondamentale alla costruzione della squadra praticamente da zero …. GRAZIE ANDREA !

  3. BEPI permalink
    27 marzo 2010 2:55 pm

    Concordo pienamente con Adriano nel render pubblicamente un enorme “grazie!” ad Andrea Seno per il suo operato! Uno come Andrea va tenuto ben stretto!
    Il problema di Venezia e del Venezia è uno solo: lo stadio! Una volta gettata la prima pietra sicuramente le forze economiche saranno disposte ad investire sulla nostra città, quindi se abbiamo una squadra di calcio in Serie D (e diciamolo pure per miracolo perchè poteva succedere di peggio) dobbiamo ringraziare quei politici e quegli amministratori che per decenni hanno messo il bastone tra le ruote nella costruzioni di un impianto degno di tale nome.

  4. Anonimo permalink
    27 marzo 2010 10:48 pm

    Bepi ha perfettamente ragione, se al tempo Zamparini fosse stato ascoltato, sarebbe stata tutta un’ altra cosa adesso…speriamo si possa fare ora quello che non è stato fatto prima!
    Forza Unione!

  5. 28 marzo 2010 7:41 am

    ah, ecco….capio tuto….el stadio….zamparini…tuta colpa dei politici……ok ok desso ghe pensarà el ministro fassotutomi….serie a! serie a! cenpions lig!
    aiuto! fermatevi, voglio scendereee!

  6. 28 marzo 2010 7:46 am

    guarda bepi che se abbiamo una società lo dobbiamo all’amministrazione comunale e a chi ha fatto pressioni per farla intervenire….quanto allo stadio ti ricordo che il tuo zamparini aveva firmato una convenzione che lo impegnava a costruirlo in cambio di 30 mila (!!!!) mq di attività commerciali direzionali e fieristiche, convenzione poi stracciata misteriosamente….alla vigilia della vergogna dei pulmini.
    il tempo della propaganda elettorale finiva venerdi sera….

  7. canaregio permalink
    28 marzo 2010 8:57 am

    Volevo solo ricordare le gesta degli utimi presidenti..dopo quella merda di zamparini,arrivato a venezia come signor nessuno nel 1987 e grazie al nome della nostra città ora famoso in tutto il mondo. poi ha distrutto tutto lasciando la città senza una squadrapoi sono arrivati dalcin gallo e i poletti…ricordo che una (piccola)parte della tifoseria l ga sempre difesi..per interessi?…mentre tanti di noi metteva in guardia da questi poco di buono.
    poi è arrivato il fallimento…e chi si è mosso?solo il comune ne ga salvà,el sindaco se ga sbatuo mentre tutti stavano a guardare.
    basta padroni,basta gentaglia,ladri e criminali.bisogna mettere dei paletti(non poletti) coinvolgere la città i tifosi in una grande public company..non è un sogno..èil futuro.
    seguo il l’unione dal 1987 in ogni categoria.
    voto orsoni perchè ga da risposte intelligenti..mentre el ministro se ne ciava…
    sempre e ovunque veneziamestre!!!

  8. Tony permalink
    28 marzo 2010 3:48 pm

    dall’estero non posso pagare il mio posto allo stadio ma par sostenere la squadra sono pronto a diventare azionario!

  9. Papà permalink
    29 marzo 2010 11:29 am

    Volevo sapere gentilmente dove si possono trovare le foto della partita di sabato tra Unione Venezia e Porfido Albiano. grazie.

  10. 29 marzo 2010 12:34 pm

    guarda qui: http://www.veneziamestre.org

  11. Adriano permalink
    29 marzo 2010 10:27 pm

    Il meccanismo dei Playoff prevede lo scontro tra la 2° e la 5° in gara secca in casa della 2° ; la 3° contro la 4° in casa della 3° anche qui con gara unica. Le vincenti si scontrano in gara unica in casa della meglio classificata nella stagione regolare. Ecco perchè arrivare secondi è molto molto importante. Andiamo a vincere ad Este, ne abbiamo le potenzialità. Da sportivo mi auguro sia una bella partita, da tifoso mi auguro di vincere e di seppellire l’Este sotto una caterva di gol …. li avanzano dalla partita rinviata …..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: