Skip to content

Jesolo – Venezia 4-4

13 dicembre 2009

Marcatori: 12’ pt Segato, 19’ pt Radrezza, 20’ pt Corazza, 34’ pt Corazza, 43’ pt Amodeo, 7’ st Lucchini, 21’ st Volpato, 48’ st Arcaba

Il gol di Corazza per il momentaneo 2-1 a favore dell'Unione

Campionato Serie D 2009/2010

17a giornata, girone C

Domenica 13 dicemebre 2009, ore 14:30

Stadio Armando Picchi, Jesolo

Arbitro: sig. Giambattista Di Giamberardino di Roma

.

JESOLO (4-4-2): Berto; Cosner, Travaglini, Arcaba, Bigolin; Lavagnoli, Dasoul (4’ st Gruijc), Roma, Lucchini; Amodeo (27’ st Ciullo), Radrezza (27’ st Andreolla).

A disposizione: Mbah, Artuso, Migliorini, Della Bianca.

All.: Bruno Tedino.

.

VENEZIA (4-2-3-1): Cavarzan; Bigoni, Modolo (12′ st Bivi), Vianello, Cardin; Collauto, Di Prisco (12′ st Correzzola); Collauto, Nichele, Corazza (42′ st Zanon); Volpato.

A disposizione: Lotti, Gargano, Rigoni, Malagò.

All.: Paolo Favaretto.

.

Note: spettatori 1.800 circa; espulso Bivi al 44′ st per fallo; ammoniti: Grujic, Travaglini; Bigoni, Cardin, Nichele, Volpato; recupero: 1′ pt, 5′ st.

.

JESOLO – Questa volta per qualche secondo non si faceva festa grossa. Una partita spettacolare che vede l’Unione andare in rete a raffica nella prima mezz’ora, tre volte, ma al riposo ci va in vantaggio di un solo gol alla luce della doppia risposta dei locali. Nella ripresa arriva subito il pareggio, ma i fuochi di artificio non terminano qui e al 65esimo sono già sette le reti della partita con il vantaggio veneziano di Volpato, un 4-3 che l’Unione sembra intenzionata a difendere con i denti. E ci riesce fin a pochi secondi dal termine, quando la beffa a cui il pubblico arancioneroverde è ormai abituato arriva puntuale con il pareggio su azione convulsa del difensore Arcaba poco dopo l’espulsioni di Bivi. Ma l’Unione ha divertito il suo numeroso pubblico che l’ha sostenuta e, imprevedibile come si è finora dimostrata questa squadra, il campionato è ancora tutto da vivere.

Spettacolare 4-4 nella partita del Venezia sul campo dello Jesolo, una gara intensa di emozioni che si chiude con un po’ d’amaro in bocca per il pareggio arrivato allo scadere di un incontro che altrimenti sarebbe di sicuro rimasto in rilievo nella storia arancioneroverde.  Rimangono ad ogni modo i bei ricordi di una partita di pallone scoppiettante e diverdente da guardare, specie nel contesto di una cornice di pubblico calda e festante (quasi completamente arancioneroverde).

L’Unione, schierata al Picchi con il 4-2-3-1 come a Pordenone, attacca fin dalle prime battute e mantiene saldo il possesso del pallone. E soprattutto ci mette appena 12 minuti a sbloccare la partita: discesa sulla sinistra di Corazza che all’altezza del lato corto dell’area mette dentro rasoterra per l’accorrente Segato, che col piatto destro segna il vantaggio del Venezia e il suo sesto gol in campionato. Ma è pur sempre un derby e, per quanto meno blasonato, l’avversario non ci sta: lo Jesolo gioca veloce, ha degli avanti rapidi che rappresentano il secondo migliore attacco del campionato, e purtroppo poi lo mostreranno. E così al 20esimo i locali (in maglia bianca, mentre l’Unione gioca con la maglia casalinga nera con banda arancioneroverde) pareggiano i conti con Radrezza, che col sinistro da area fulmina sul primo palo Cavarazan dopo qualche respinta in area veneziana. Incassato il pari, l’Unione si rialza in un battibaleno: Di Prisco allarga per Collauto sulla destra che pennalla per la testa di Volpato sul vertice dell’area piccola; il bomber gira stupendamente in elevazione ma il portiere locale para in tuffo, con palla che rimane a pochi metri dalla linea di porta: a questo è lesto Corazza a metterla dentro approfittando di un mancato rinvio di un difensore jesolano.

Una normale partita di calcio magari si sarebbe chiusa al 34′ del primo tempo, quando l’Unione fa tris: ancora Di Prisco verticalizza per Nichele, che fa da sponda a Segato, il cui lancio filtrante trova Corazza in profondità: il bomber lascia far fare un rimbalzo al pallone e poi di sinistro al volo trafigge Berto. E si sarebbe conclusa soprattutto perchè poco dopo Volpato prendeva l’incrocio dei pali di testa su calcio d’angolo da destra di Collauto.

Ma questa partita voleva continuare a far fuochi d’artificio e una veloce triangolazione jesolana con diagonale finale di Amodeo che prima dell’intervallo riduce le distanze per i locali e riapre di fatto la gara.

E la riapre eccome visto che al settimo minuto del secondo tempo Lucchini pareggia il conto: 3-3. Azione dalla destra dei nerazzurri, cross sporcato da Cardin che stagna in area all’altezza del primo palo e attaccante jesolano più lesto di tutti a girare in rete rasoterra. A quel punto lo Jesolo spaventa pure i supporters arancioneroverdi cogliendo la parte alta della traversa su un cross scagliato dalla sinistra.

Ma era vana illusione perchè di li a poco l’Unione si riporta in vantaggio con un’azione capolavoro del calcio: Collauto dalla tre quarti di destro lancia in profondità ad effetto, che si ferma al rimbalzo e permette al debuttante Correzzola di raggiungerla sul fondo all’interno dell’area e centrale al volo per Volpato, che di sinistro in area piccola segna in tap-in il terzo vantaggio arancioneroverde della giornata.

E’ un 4-3 che scatena l’entusiasmo della colma tribuna del Picchi: la momentanea vittoria avrebbe rappresentato anche un grande passo in classifica (si teneva il passo dell’Este e si andava ad acchiappare il Tamai al terzo posto). Diciamo che dei quattro minuti finali ne avremmo volentieri fatto a meno: espulsione di Bivi, punizione dal limite da sudore dello Jesolo (fortunatamente innocua), e rete di Arcaba su un’interminabile batti e ribatti fuori e dentro area. Ma non saranno quei quattro minuti a farci dimenticare la passione per il Venezia, forza Unione domenica (o sabato) si va a Treviso all’arrembaggio del Quinto.

Advertisements
11 commenti leave one →
  1. Anonimo permalink
    13 dicembre 2009 8:28 pm

    altri 4 goals subiti e siamo arrivati a 27, soltanto le ultime tre in classifica hanno subito di più… – 12 dall’Este…. ma non dà da pensare?

  2. Forza grande Unione permalink
    13 dicembre 2009 9:46 pm

    -12? i ciapemo!

  3. Lorenzo permalink
    14 dicembre 2009 9:42 pm

    per la cronaca, il gol del 2-1 è di Volpato, non di Corazza, e al 42′ del secondo tempo è entrato Zanon, non Rigoni.

  4. Anonimo permalink
    14 dicembre 2009 11:09 pm

    la realtà conferma che la difesa va rinforzata, altrimenti neanche segnando 4 reti si riesce a vincere… e Modolo (IL NAZIONALE MODOLO…) DEVE GIOCARE!!!

  5. Anonimo permalink
    16 dicembre 2009 11:20 am

    caro lorenzo se guardi il filmato della partita su you tube vedrai che il direttore di gara fischia dopo il tiro di corazza e non prima. il gol è suo non di volpato!

  6. Lorenzo permalink
    16 dicembre 2009 9:40 pm

    Caro Anonimo se parli con Volpato, ti racconta come l’arbitro gli abbia detto di aver messo a referto il gol a suo nome, non a nome di Corazza.
    Poi, segni chi vuole, basta che si vinca !

  7. Lorenzo permalink
    16 dicembre 2009 9:41 pm

    senza contare che tutti i giornali assegnano il gol a Volpato…

  8. Anonimo permalink
    16 dicembre 2009 9:48 pm

    c’è poco da assegnare il goal a Volpato o a Corazza…. le cifre parlano da sole…. per quanto riguarda la difesa, ovviamente! non l’attacco perchè attaccanti meglio di così in Serie D….

  9. Anonimo permalink
    17 dicembre 2009 11:32 am

    io non ho la possibilità di parlare con volpato o alri giocatori. io guardo i filmati, poi ognuno può pensare o scrivere quello che vuole

  10. Anonimo permalink
    17 dicembre 2009 11:35 am

    comunque anche questo sito da il gol a corazza

  11. Lorenzo permalink
    17 dicembre 2009 4:11 pm

    Anche questo sito ? Direi che è l’unico sito. Tutti gli altri siti e giornali danno il gol a Volpato.
    Comunque l’importante è vincere.
    Ah, nemmeno io ho la possibilità di parlare con Volpato. Ho letto su un giornale che raccontava di come l’arbitro gli avesse detto così.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: