Skip to content

Reggiana – Venezia 2-1

21 settembre 2008

Marcatori: 44′ pt Maschio, 9′ st Poggi, 11′ stFalconieri

I giocatori

I giocatori arancioneroverdi festeggiano Poggi per il momentaneo pareggio.

Campionato Lega Pro Prima Divisione 2008/09

4a giornata, Girone A

21 settembre 2008, ore 15:00

Stadio Giglio, Reggio Emilia

Arbitro: sig. Davide Massa di Imperia

.

REGGIANA (3-5-2): Ambrosio; Stefani, Zini, Mei; Padoin, Grieco, Maschio, Bruno (23′ st Scantamburlo), Ponzo (38′ st Migliaccio); Dall’Acqua (16′ st Ferrari), Falconieri

A disposizione: Tomasig, Mallus, Bucolo, Florian.

All.: Alessandro Pane

.

VENEZIA (4-3-3): Aprea; Semenzato, Lebran, Galuppo, Anderson; Drascek, Bono, Ruffini (Rebecca); Collauto (Corradi), Malatesta, Poggi (Ibekwe).

A disposizione: Lotti, Tricoli, Gardella, Fornaio.

All.:Michele Serena.

.

Note: spettatori 3212; ammoniti: Falconieri, Greco; Rebecca; recupero: 0′ pt; 4′ st.

.

REGGIO EMILIA – Un Venezia mai domo deve comunque uscire sconfitto dal campo della Reggiana. I lagunari giocano bene e creano più occasioni da goal dei padroni di casa, ma l’estrema concretezza dei granata fa pendere il risultato finale a loro favore. Molto bello il goal di Poggi all’inizio della ripresa, quando un gran tiro dal limite dell’area fa songnare per qualche minuto i tifosi veneziani giunti in Emilia.

Veramente sfortunata la partita del Giglio. Il Venezia tiene in mano il pallino del gioco per gran parte della gara ma vince la Reggiana capace di capitalizzare due delle tre conclusioni effettuate verso la porta veneziana.

Nei primi minuti i padroni di casa dimostrano di conscere bene le misure del terreno amico e fanno girar palla nella metà campo del Venezia, senza però riuscire a superare la linea dei 16 metri se non che passaggi troppo lunghi. Ma una volta preso dimestichezza con il Giglio, il Venezia prende in mano la gara e la tiene fino a fine partita senza raccogliere, però, alcun punto. Si inizia con dei calci d’angolo (12 saranno alla fine) e su uno di questi, calciato da Collauto, c’è un evidente fallo di mano in area reggiana non sanzionato. Dopo pochi minuti una punizione ancora di Collauto, bassa e tesa, impegna Ambrosio che devia in angolo. Il capitano del Venezia è oggi ispirato e poco dopo proprizia un colpo di testa da area di Drascek con un bellissimo cross dalla destra, respinto oltre la traversa ancora da Ambrosio. Lo stesso centrocampista monfalconese impegna il portiere con un bel tiro da fuori, così come Semenzato poco dopo. Nel primo tempo la Reggiana si vede solo con una girata in area di Dall’Acqua, deviata in tuffo da Aprea. E soprattutto si vede all’ultimo minuto prima dell’intervallo, quando Maschio indovina l’incrocio dei pali a sinistra del portiere veneziano con una parabola a rientrare carica d’effetto calciata dalla zona sinistra dell’area. E pensare che appena prima Paolino Poggi si era divorato il vantaggio colpendo di tacco a botta sicura all’interno dell’area piccola di Ambrosio, ma veniva stoppato da un recupero dell’ex Mei.

La doccia dell’ultimo minuto non spaventa il Venezia che inizia il secondo tempo decisamente in attacco. Il pareggio arriva dopo otto minuti con una prodezza di Poggi, il cui tiro dai 18 metri si insacca sotto l’incrocio alla destra di Ambrosio, proprio sotto il settore dei tifosi lagunari che esplodono di gioia.

Gioia ridimensionata non più di due minuti più tardi con il nuovo vantaggio reggiano: il Venezia si fa trovare scoperto dopo una palla persa a centrocampo e Dall’Acqua se ne va in fascia entrando in area da sinistra e appoggiando centralmente per Falconieri il quale, a pochi passi dalla porta, insacca di piatto.

Il goal non chiude la partita ma la buona volontà e la foga del Venezia, fomentata poi dall’innesto di giocatori rapidi come Corradi, Rebecca e Ibekwe, non riesce a produrre il desiderato pareggio. Ed è proprio ad Ibe sul finale che capita l’occasione di segnare, ma viene contratto al tiro dall’uscita alla disperata dell’ottimo Ambrosio. Nel secondo tempo l’allenatore della Reggiana Pane, impegnato a contere il forcing degli arancioneroverdi, fa giocare anche l’ex Scantamburlo.

Continua la maledizione della terza serie, categoria nella quale il Venezia ha perso tutte e quattro le partite giocate a Reggio Emilia.

I supporter lagunari a Reggio Emilia

I supporter lagunari a Reggio Emilia

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: