Skip to content

Venezia – Cittadella 0-2

27 luglio 2008

FOLGARIA (TN) – In settimana si era svolta una sgambata contro l’US Altipiani conclusasi con ovvia goleada in tempi di gioco ridotti, nel pomeriggio di sabato, invece due tempi da 45 minuti contro il Cittadella hanno battezzato il Venezia 2008-09. La cornice di pubblico era quantificabile in circa trecento persone sistemate sul pendio a lato del campo di gioco sede del ritiro estivo degli arancioneroverdi. Pochi i cori di incitamento alla squadra visto il silenzio che il gruppo dei distinti ha voluto conservare per tutta la gara, a testimonianza della difficile situazione che, per effetto di pericolose intromissioni al Penzo nel corso dell’ultimo anno, si vive in seno all’ambiente del tifo arancioneroverde.

Venendo alla partita, il Venezia affrontava quindi un’avversario, di categoria superiore, che è riuscito a segnare e a creare altre limpide occasioni ma, dal punto di vista del gioco, l’Unione non ha affatto sfiguarto, conducendo il possesso palla per larga parte della partita. In questa prima uscita stagionale agli arancioneroverdi pare mancare particolarmente il guizzo offensivo, visto che in fase di interdizione ed impostazione il Venezia ha giocato al pari se non meglio dei granata padovani. Le reti sono arrivate ad inizio e fine gara, rispettivamente con Castiglia e De Gaspari. Nelle file del Cittadella si sono visti anche Pesoli, dal primo minuto, e Teoldi, entrato nella ripresa e leggermente beccato da una parte del pubblico veneziano.

Mister Serena schiera nel primo tempo un 4-1-4-1, con Grighini, Mandorlini, Tricoli e Anderson in difesa, capitan Poggi nell’inedito ruolo di centro mediano metodista, qualche passo indietro rispetto alla linea dei centrocampisti composta da Conean, Fornaio, Mattielig e Rebecca, con Malatesta unica punta. La punta romana è apparsa ancora in ritardo di forma, cosa comunque non preoccupante considerata la stazza del giocatore. Abbastanza vivace è apparso Rebecca, mentre Fornaio ha dimostrato la sua buona tecnica nel palleggio; solita quantità per il probabile partente Mattielig mentre Conean è sembrato un po’ in ombra. Discreta la spinta fornita dai terzini Grighini e Anderson, non molto affiatata invece la coppia centrale Mandorlini-Tricoli. Giuseppe Aprea, che ha difeso la porta veneziana per quasi 70 minuti prima di lasciare il posto a Lotti, ha compiuto diverse parate di grande abilità.

Nel secondo tempo spazio a quasi tutti gli effettivi (non hanno giocato i soli Collauto, Lebran, Mion e Nadarevic per vari motivi), con Rigoni, Galuppo, Gardella e Zamuner subentrati in difesa, Drascek e Ruffini a centrocampo, Corradi e Momentè (poi cambiato con Zerbini) a formare il nuovo reparto offensivo assieme a Rebecca in un mutato modulo riconducibile al 4-3-3. Ma il livello e la quantità dek gioco offerto dagli arancioneroverdi nella ripresa va calando col passare dei minuti, come d’altra parte non ci si poteva altro che aspettare.

.

Marcatori: 5′ pt Castiglia, 46′ st De Gaspari

.

VENEZIA 1° TEMPO (4-1-4-1): Aprea, Grighini, Mandorlini, Tricoli, Anderson; Poggi; Conean, Mattielig, Fornaio, Rebecca; Malatesta.

.

VENEZIA 2° TEMPO (4-3-3): Aprea (18′ st Lotti); Grighini (17′ st Rigoni), Galuppo, Gardella, Anderson (18′ st Zamuner); Fornaio (15′ st Mattielig), Drascek, Ruffini; Corradi, Momentè, Rebecca (25′ st Zerbini).

Annunci
One Comment leave one →
  1. 30 luglio 2008 3:48 pm

    Al lato del campo ci saranno state al massimo un centinaio di persone, di cui due se la sono date. Vergognoso, c’erano pure dei bambini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: